Un congresso all’insegna dell’apertura e del confronto, per essere protagonisti preparati in un mondo in continua Evoluzione.

La Federazione Italiana Cuochi e L’Unione Regionale Cuochi Toscani nei giorni 8-9-10 Novembre 2015 organizzano il XXVIII Congresso della Federazione Italiana Cuochi: 3 giornate dedicate a dibattiti, convegni didattici, cooking show, Master, incontri con le Istituzioni, con produttori Agroalimentari, con Produttori di Vini, Ristoratori, Sommeliers, Barman ed altri attori del mondo dell’offerta Enogastronomica Italiana.

Partnership speciale della Manifestazione AIS Toscana con “Eccellenza di Toscana” e Italian Barman Style Mixology ed erbe Aromatiche

La Manifestazione sarà aperta al Pubblico e ad addetti del Settore.

Rocco Pozzulo
Presidente Federazione Italiana Cuochi

Mi hanno chiesto perché Cuoco 3.0. Perché è una professione che guarda avanti? Sicuramente. Perché vogliamo che questo mestiere continui ad acquisire visibilità e che sia sempre più vicino al consumatore? Anche questo. Perché il cuoco oggi è da ritenersi una professione “cool”? Perché no. In realtà Cuoco 3.0 è una provocazione che vogliamo lanciare a tutti a partire dal prossimo Congresso. Una provocazione non fine a se stessa, non mirata a una semplice demagogia. Una provocazione che incarna degli obiettivi, quelli di noi professionisti di questo settore che come Federazione ci sentiamo di promuovere e diffondere in un momento nel quale, nei confronti della società moderna, il cibo ha un ruolo che va oltre la sua primaria funzione, quella del nutrire.
Questi obiettivi li abbiamo riassunti in tre V. V come Valori: prima di tutto sociali, perché il cuoco ha delle responsabilità nei confronti del consumatore, ma anche verso i produttori di materie prime. Valore anche promozionale, perché il cuoco può far conoscere un territorio attraverso i piatti e le sue eccellenze. Valore infine gustativo, perché non ci dimentichiamo che dobbiamo creare emozioni nelle persone. V come Vantaggi. Vantaggi economici per tutta una filiera che va oltre quella dell’agroalimentare e vantaggi sociali, perché creiamo posti di lavoro e opportunità anche per i più giovani, in un momento in cui ce n’è bisogno. V come Visioni, quelle che stimolano ogni giorno la creatività mossa dalla professionalità dei cuochi di oggi, che guardano a ieri pensando a domani. E’ per questo che abbiamo deciso di aprire il Congresso per la prima volta a tutti, non solo agli addetti ai lavori, perché è il momento di uscire dalla cucina del ristorante e prendere per mano il consumatore accompagnandolo a conoscere la passione e insieme la complessità della nostra professione.

Franco Mariani
Presidente Unione Regionale Cuochi Toscani

É un grande onore per noi ospitare il XXVIII congresso della Federazione italiana cuochi. Un onore maggiore poter contribuire a un evento che sicuramente rappresenterà un nuovo modo di dialogare tra professionisti del settore, produttori e consumatori. Alla Leopolda saranno presenti tutti gli attori di una filiera che noi come cuochi abbiamo il compito di tutelare e di promuovere. La collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier Toscana è un valore aggiunto, anche questo un nuovo punto di partenza per raggiungere l’obiettivo del congresso, il Cuoco 3.0. Non è un caso che sia stata scelta proprio la Toscana, con la sede simbolica della Stazione Leopolda. La stazione non come punto di arrivo, ma di partenza di una professione che si è rinnovata. A livello nazionale la nostra regione rappresenta la categoria con oltre 1.200 cuochi. Negli anni abbiamo dato vita a un evento internazionale, il Premio Caterina de Medici, che ogni anno ha visto riuniti a Firenze i maggiori rappresentanti di un settore che ormai tutti ci riconoscono come tra i più sviluppati al mondo. Partiamo da qui per potenziare e valorizzare la collaborazione con gli agricoltori locali, con le scuole alberghiere, con il consumatore finale. Dalla Leopolda, ne sono convinto, deriverà un nuovo spirito di interpretazione del settore.

Osvaldo Baroncelli
Presidente AIS Toscana

L’Associazione Italiana Sommelier Toscana parteciperà al XXVIII Congresso Nazionale della Federazione Italiana Cuochi con l’ECCELLENZA DI TOSCANA che avrà luogo presso la Stazione Leopolda di Firenze l’8 ed il 9 novembre 2015.
Questa collaborazione tra la Federazione Italiana Cuochi e l’AIS Toscana, che unisce idealmente il food ed il wine, si configura come ideale sinergia tra due elementi quali il cibo ed il vino che rappresentano le eccellenze dei nostri territori.
Per collaborare ad un evento così importante era necessario far sistema: sommando le specificità e le professionalità delle due realtà che rappresentano i due volti della apprezzata cucina italiana nel mondo.
Anche la location della Stazione Leopolda si presta egregiamente per questa manifestazione che risulterà ricca di eventi: cooking show, degustazioni tematiche, dibattiti, incontri, approfondimenti, esposizioni, curiosità che siamo certi incontreranno il gusto di migliaia di visitatori, appassionati e professionisti presenti e provenienti da tutto il mondo.
L’AIS Toscana si presenta qui come ideale partner offrendo il proprio supporto di promotore del buon bere e grazie alla sua cinquantennale esperienza; cinquantennale che si festeggia proprio in questo anno. Quale miglior modo di festeggiare in Toscana questa importante ricorrenza nell’essere parte viva ed attiva del “Food and Wine in Progress”.